Il foglio dell'Arte
Home
Redazione
Contatti
NEWS ARTICOLI MUSEI E MOSTRE COMUNICATI STAMPA ASTE
  19 Dicembre 2018
02/09/2014 di Marco Minuto

Omaggio al genio Michelangiolesco ed alla sua influenza sul novecento . Firenze- Modena, Giugno-Ottobre 2014

Michelangelo Buonarroti, Mosč
Michelangelo Buonarroti, Mosč
Per la ricorrenza del 450° anniversario della morte di Michelangelo sono in corso due eventi a lui dedicati a Firenze ed a Modena, che termineranno nel prossimo mese di Ottobre.
La magnifica esposizione di entrambe è basata infatti su un progetto comune ed un catalogo unico.
I temi su cui è strutturato l´evento sono fondamentalmente due : uno riferito ai centenari novecenteschi della morte e della nascita del genio in assoluto più grande del Rinascimento ; l´altro dedicato alla grande influenza di Michelangelo nella cultura del ventesimo secolo, un´influenza che abbraccia tutte le arti tra cui scultura, pittura, grafica, architettura, fotografia, video ed addirittura design e che continua ancora ad attrarre con il suo fascino studiosi di tutto il mondo.
Michelangelo, con il suo immenso genio, continua ad espandere la sua luce artistica oltre che umanistica, esempio di pienezza intellettuale varcando i confini dei secoli arrivando ad essere financo punto di riferimento della vita culturale moderna e contemporanea, lasciando una traccia indelebile nell´opera degli innumerevoli artisti che si sono confrontati con la sua opera. Tanto da costituire ancora oggi, sconfinando dagli studi rinascimentali, inserendosi in una prospettiva culturale internazionale.
La mostra è indubbiamente un grande spunto per capire ancor di più quanto sia stata l´influenza michelangiolesca nel secolo scorso, per quanto riguarda anche la scultura.
Altri geni del periodo rinascimentale come ad esempio Raffaello e Leonardo da Vinci non hanno inciso così profondamente sull´arte figurativa nel novecento.
Le opere in mostra a Firenze sono circa settanta, a Modena oltre una trentina. L´allestimento in questa ultima sede prevede opere di grandi dimensioni. Sia a Firenze che a Modena saranno presenti alcuni disegni originali di Michelangelo. Per la città di Modena l´evento è ancor più suggestivo perché nessuna opera di Michelangelo è presente nelle collezioni estensi. La collaborazione di casa Buonarroti a Firenze e della galleria civica di Modena ha donato agli appassionati d´arte una occasione unica per rivisitare il genio Michelangiolesco sotto tutte le angolazioni. All´evento di Modena si affida il settore cronologicamente più recente tra il ventesimo ed il ventunesimo secolo mentre a Firenze il percorso artistico procede per affinità tematiche.
Infatti sono esposte opere di artisti italiani e stranieri di alta qualità tra i quali Arturo Martini con la "Piccola Pietà in terra cotta" agli schizzi tratti dal "David" di Giuseppe Terragni, al "Michelangelo according " to Tanofesta.
Già dai suoi contemporanei Michelangelo Buonarroti fu acclamato come maggiore artista di tutti i tempi ed influì fortemente sull´arte del suo secolo, fu ammirato ed onorato da papi, imperatori, principi e poeti.
Dopo quasi cinquecento anni dalla sua morte questi eventi continuano ad onorare il genio indiscusso ed a dimostrare l´immortalità dell´Arte. Ancora oggi osservando le silenziose ed interminabili file dei visitatori che attendono pazientemente, magari sotto il sole cocente per arrivare ai musei vaticani aleggia lo spirito che infonde alla bellezza il dono della commozione e devozione alla sacralità della vita, quasi una catarsi dagli orrori compiuti, come scriveva Anna Arendt, "dalla banalità del male".
 
Registrato presso il Registro della Stampa, Tribunale di Roma n. 288 del 12.12.2013
©2018 Societą Belle Arti srl - Via Giulia 127, 00186 Roma - C.F./P.IVA 12231251005
webmaster: Daniele Sorrentino