Il foglio dell'Arte
Home
Redazione
Contatti
NEWS ARTICOLI MUSEI E MOSTRE COMUNICATI STAMPA ASTE
  14 Dicembre 2018
30/05/2014 di Alessandra Di Romano

A Roma la Sicilia di Ferdinando Scianna

Mani che mangiano Sicilia 1961
Mani che mangiano Sicilia 1961

Nello splendido scenario di Palazzo Taverna, la Galleria Aristocratic in collaborazione con la Galleria romana Emmeotto, presentano la mostra fotografica di Ferdinando Scianna "Sicilia Mondo". Una mostra che racconta la Sicilia, terra natia del fotografo luogo con il quale conserva da sempre un legame atavico. Le opere scelte ed esposte descrivono sapientemente la parabola artistica di Scianna, sin dai lavori degli anni 60 emerge con nitida chiarezza la volontà di raccontare un'isola nella sua interezza, la sua potenza, le convenzioni e le tradizioni. Foto che colgono semplici attimi, che davanti alla sua macchina magicamente sono catturati. Le ombre campeggiano come protagoniste ed assumono un ruolo cardine. Scianna grazie alla sua abilità, permette alle immagini di schiudersi, ai momenti di manifestarsi, ai protagonisti di vivere; libera la vita perché non bisogna "mai mettere in posa il mondo". Con il suo lavoro, la sua fotografia, il suo potente mezzo, egli racconta la vita e la moltitudine delle vicende umane. In mostra sono presenti anche alcuni celebri scatti di moda, della campagna pubblicitaria di Dolce e Gabbana della seconda metà degli anni 80, e foto di metropoli americane, futuristiche immagini di un passato. L'accostamento tra le opere risulta vivido e sapiente, si avanza dinnanzi a torsioni manieristiche, atmosfere rarefatte e a geometrici allineamenti di corpi. Il suo lavoro é la testimonianza della visone, ci mostra esistenze caleidoscopiche documentandole come un reporter. La sua fotografia é una narrazione che ci fornisce una magistrale lettura della vita e del vivere.

 
Registrato presso il Registro della Stampa, Tribunale di Roma n. 288 del 12.12.2013
©2018 Società Belle Arti srl - Via Giulia 127, 00186 Roma - C.F./P.IVA 12231251005
webmaster: Daniele Sorrentino