Il foglio dell'Arte
Home
Redazione
Contatti
NEWS ARTICOLI MUSEI E MOSTRE COMUNICATI STAMPA ASTE
  14 Dicembre 2018
19/05/2014 di Marco Minuto

Sgravi per investimenti sulla cultura : si apre uno spiraglio


Tante le misure contenute nel decreto legge di Dario Francheschini, mirato a favorire le grandi opere nel campo della cultura e la loro riqualificazione. Tra i punti più importanti la detrazione fiscale del 65% per coloro che decideranno di investire in beni culturali nel biennio 2014-2015, mentre scenderà al 50% per il biennio 2016-2017 . La detrazione sarà ripartita in tre rate annuali di pari importo. Nel decreto legge è previsto anche il commissariamento della Reggia di Caserta, e l´avvio del grande progetto "Pompei", dove è stabilito  il rafforzamento dei poteri del direttore. Saranno inoltre velocizzate le gare per gli appalti dei lavori grazie ai finanziamenti pari a 105 milioni della Ue, per rispettare il termine imposto entro dicembre 2015. Vengono altresì semplificate le procedure di gara per gli interventi di recupero e restauro per il decoro dei monumenti e la lotta al degrado. Spiccano infatti, una serie di misure che daranno la possibilità di revocare le concessioni ad attività commerciali in tutti gli spazi adiacenti i luoghi di cultura. Tutto ciò in deroga ai regolamenti regionali, trasferendole in altre aree e qualora questo non fosse possibile, i titolari delle suddette attività commerciali avranno comunque diritto a richiedere un indennizzo. Da sottolineare anche tutte le novità contenute nel decreto che concerne le strutture legate al turismo, dove viene riconosciuto un credito d´imposta al 30% a tutti gli imprenditori che dovessero decidere di attuare dei piani d´investimento per la ristrutturazione e l´edilizia. Nonché all´acquisto di siti web e programmi per la prenotazione e vendita online. Anche le somme sequestrate dalla magistratura e dalle forze dell´ordine alla criminalità organizzata saranno devoluti al Ministero dei Beni Culturali nella misura del 10%. Misure di sostegno anche per il cinema, fondazioni lirico sinfoniche ed enti lirici. Slitterà invece a fine anno il termine per l´adeguamento degli statuti e si introdurrà un tetto per le retribuzioni degli amministratori. Il decreto legge mira principalmente ad invogliare mecenati disposti ad investire nel nostro patrimonio artistico e culturale tra i più importanti del mondo, affinche il turismo in Italia possa di nuovo tornare ad essere una voce ancora più importante nel Pil della nostra nazione.
 
Registrato presso il Registro della Stampa, Tribunale di Roma n. 288 del 12.12.2013
©2018 Società Belle Arti srl - Via Giulia 127, 00186 Roma - C.F./P.IVA 12231251005
webmaster: Daniele Sorrentino